• ADOLESCENTI E GIOVANI ADULTI

  • Il periodo dell’adolescenza e della prima età adulta è un momento molto particolare. La spinta evolutiva, di crescita, che si vive in questa fase della vita è incredibilmente generativa e provoca cambiamenti e modificazioni. Spesso questa grande propulsione porta con sé, o mette in evidenza, anche importanti angosce, preoccupazioni, dubbi, sofferenze.

    Il conflitto, personale e relazionale, che si respira in questo periodo, sia esso agito verso l’esterno o chiuso a chiave dentro la propria stanza, può portare a blocchi evolutivi, difficoltà nelle relazioni genitori-figli, confusione, se non in alcuni casi a veri e propri sintomi depressivi, ansiosi, alimentari, scolastici, sociali o altri ancora.

    Ogni persona è diversa e ogni famiglia è diversa, per questo pensiamo sia necessario valutare di volta in volta il tipo di percorso terapeutico più adatto per ciascuna situazione. Il nostro approccio prevede la possibilità di valutare, insieme ai genitori e al ragazzo, quale sia il percorso di consulenza o di terapia più adatto. Questo in funzione dei bisogni del singolo e del suo sistema familiare e, allo stesso tempo, considerando anche le risorse e le difficoltà specifiche di ciascuna persona e di ciascun nucleo.

    Dopo la prima telefonata ed eventualmente uno o due colloqui di conoscenza sarà quindi possibile iniziare a delineare il percorso ritenuto più idoneo per la situazione specifica. 

    Di seguito presentiamo i principali formati di terapia che vengono solitamente proposti, se ritenuto necessario, anche alternandoli tra loro.

  • Terapia individuale

     Consulenza e terapia con adolescenti e giovani adulti, che è possibile attivare quando sono motivati a intraprendere un percorso personale di riflessione e cambiamento. 

    Tale percorso prevede una prima fase di conoscenza della durata di qualche colloquio. In seguito vengono definiti, in maniera congiunta, gli obiettivi e il senso della terapia.

  • Terapia Familiare

    Se un giovane si trova in difficoltà, per un blocco evolutivo, o per una più franca psicopatologia, la risorsa principale che si trova accanto, quotidianamente, costantemente, è la sua famiglia.

    Per questo scegliamo di lavorare, se possibile, con tutti i membri familiari, in particolare con i genitori. Ciò non serve solo a ricercare le ragioni che hanno generato la difficoltà del figlio, ma soprattutto a poter attivare al meglio le risorse del sistema familiare, in modo che possano essere esse stesse generatrici di cambiamento.

  • Intervento domiciliare

    Il progetto Psicologo Fuori Studio: rivolto a bambini e adolescenti non motivati alla terapia in studio ma in forte difficoltà, per la quale si rende necessario un intervento domiciliare specialistico.
    Vai alla pagina

    Per approfondire il nostro approccio clicca qui oppure fissa un appuntamento